15 Sep 2013

Il barbiere di Livorno che avrebbe voluto trasferirsi a Malaga ma lavorava a Soho.

Spinto da un irrefrenabile voglia di liberarti dei capelli in eccesso che pesano sulla tua testa da oramai troppe settimane, ti riduci all'orlo dell'esaurimento; dopo mille ricerche su internet per trovare il parrucchiere perfetto semplicemente scegli in scendere in strada e trovartelo da te. Qualcosa da quelle ricerche l'hai comunque imparata e ti rechi a Soho, dove sai di trovare un piccolo negozietto che più sembra un negozio di parrucche sintetiche ma sei li, entri. Su come sia riuscito ad entrarci due volte in meno di mezz'ora e di come abbia scoperto che su cinque impiegati tre fossero italiani, tornerò più tardi, e si, non dimenticherò di descrivere le mattonelle a scacchiera, le volate di borotalco-all'improvviso e di come io mi sorprenda tutt'ora di avere ancora entrambe le orecchie, ed un taglio decente vista la velocità d'esecuzione. 

No comments:

Post a Comment

Archive